Vinylmail
(0) Carrello
  • Nessun prodotto nel carrello.

Gianni Morandi

Gianni Morandi, all’anagrafe Gian Luigi Morandi (Monghidoro, 11 dicembre 1944), è un cantante, attore e conduttore televisivo italiano. Occasionalmente è stato anche cantautore e compositore per altri artisti. È considerato una delle colonne portanti della musica leggera italiana, con oltre 50 milioni di copie dei suoi album e singoli vendute in tutto il mondo, ed è uno tra i venti artisti italiani che hanno venduto il maggior numero di dischi. È stato inoltre presidente onorario del Bologna dal 2010 al 2014.
La sua carriera artistica nasce fin da ragazzo. A 14 anni viene selezionato a un provino dalla maestra Alda Scaglioni di Bologna con il brano vincitore di Sanremo Nel blu dipinto di blu di Domenico Modugno. Nel frattempo prova senza successo a fare il pugile su consiglio di un arbitro internazionale e, dopo una gavetta fatta non solo di feste dell’Unità ma anche di balere di provincia, concorsi per voci nuove e sagre paesane, spesso con il gruppo di accompagnamento I Cadetti di Scaglioni (formato da musicisti di Bellaria), nel 1961 ottiene la prima scrittura per tutta l’estate presso il Dancing Arlecchino di San Mauro Mare e partecipa al concorso Voci Nuove Disco d’Oro a Reggio Emilia, qualificandosi per la finale che si tiene il 15 aprile al”Tarantola Club”: arriva nono dietro tra gli altri a Paola Neri (prima), Iva Zanicchi (seconda) e Orietta Berti (sesta) [Il 15 aprile 1962 vince il Festival di Bellaria e il giorno dopo l’arbitro di pugilato lo porta a Roma dove con Non esiste l’amore di Adriano Celentano, Non arrossire di Giorgio Gaber e Il cane di stoffa di Pino Donaggio viene ingaggiato dalla RCA Italiana.
Esordisce nel mondo discografico nel 1962 con Andavo a cento all’ora, brano di notevole successo scritto da un emigrante in Belgio, Tony Dori e Franco Migliacci, che per l’occasione si firma con lo pseudonimo di Camucia, e inciso nello stesso giorno con l’orchestra di Ennio Morricone insieme alla canzone Loredana con l’uscita del disco avvenuta tre giorni dopo. Pur non entrando in classifica (vi entrerà solo l’anno successivo in occasione della sua prima apparizione televisiva nel programma Alta pressione), la canzone si fa ascoltare nel circuito dei juke box assieme alla successiva Go-kart twist, che viene inserita anche nella colonna sonora della pellicola Diciottenni al sole.
Dal 1962 al 1970 la sua è stata una carriera in continua ascesa, suggellata da famosi successi discografici fra cui FATTI MANDARE DALLA MAMMA ed IN GINOCCHIO DA TE.
Dal 1970 in poi, reo di proporre un genere di canzoni poco impegnate e commerciali viene anche boicottato durante alcuni dei suoi ultimi concerti.Nasce un perido di ritiro dalle scene e studio al conservatorio di musica. Nasce il suo impegno nel mondo del cinema, con il film LE CASTAGNE SONO BUONE, e quello teatrale con JACOPONE. Dal 1980 in poi il suo ritorno al mondo della musica è scandito da nuovi successi, grazie anche al cambio di stile e canzoni impegnate, che vedono la collaborazione di vari artisti come RUGGERI, TOZZI, MINGHI LUCIO DALLA e CLAUDIO BAGLIONI. Nuove tournée, in particola modo STATI UNITI e CANADA, accompagnano i suoi nuovi successi, come SI PUO’ DARE DI PIU’ e GRAZIE PERCHE’. Nuove partecipazioni al FESTIVAL DI SANREMO, e fiction televisive, accompagnano la sua fortunata carriera fino ai giorni nostri. Ha avuto la capacità di riproporsi con un nuovo stile canoro e testi impegnati, e rimane fin dagli anni 60 uno dei cantanti più propositivi della musica leggera italiana.

Gianni Morandi, all’anagrafe Gian Luigi Morandi (Monghidoro, 11 dicembre 1944), è un cantante, attore e conduttore televisivo italiano. Occasionalmente è stato anche cantautore e compositore per altri artisti. È considerato una delle colonne portanti della musica leggera italiana, con oltre 50 milioni di copie dei suoi album e singoli vendute in tutto il mondo, ed è uno tra i venti artisti italiani che hanno venduto il maggior numero di dischi. È stato inoltre presidente onorario del Bologna dal 2010 al 2014.
La sua carriera artistica nasce fin da ragazzo. A 14 anni viene selezionato a un provino dalla maestra Alda Scaglioni di Bologna con il brano vincitore di Sanremo Nel blu dipinto di blu di Domenico Modugno. Nel frattempo prova senza successo a fare il pugile su consiglio di un arbitro internazionale e, dopo una gavetta fatta non solo di feste dell’Unità ma anche di balere di provincia, concorsi per voci nuove e sagre paesane, spesso con il gruppo di accompagnamento I Cadetti di Scaglioni (formato da musicisti di Bellaria), nel 1961 ottiene la prima scrittura per tutta l’estate presso il Dancing Arlecchino di San Mauro Mare e partecipa al concorso Voci Nuove Disco d’Oro a Reggio Emilia, qualificandosi per la finale che si tiene il 15 aprile al”Tarantola Club”: arriva nono dietro tra gli altri a Paola Neri (prima), Iva Zanicchi (seconda) e Orietta Berti (sesta) [Il 15 aprile 1962 vince il Festival di Bellaria e il giorno dopo l’arbitro di pugilato lo porta a Roma dove con Non esiste l’amore di Adriano Celentano, Non arrossire di Giorgio Gaber e Il cane di stoffa di Pino Donaggio viene ingaggiato dalla RCA Italiana.
Esordisce nel mondo discografico nel 1962 con Andavo a cento all’ora, brano di notevole successo scritto da un emigrante in Belgio, Tony Dori e Franco Migliacci, che per l’occasione si firma con lo pseudonimo di Camucia, e inciso nello stesso giorno con l’orchestra di Ennio Morricone insieme alla canzone Loredana con l’uscita del disco avvenuta tre giorni dopo. Pur non entrando in classifica (vi entrerà solo l’anno successivo in occasione della sua prima apparizione televisiva nel programma Alta pressione), la canzone si fa ascoltare nel circuito dei juke box assieme alla successiva Go-kart twist, che viene inserita anche nella colonna sonora della pellicola Diciottenni al sole.
Dal 1962 al 1970 la sua è stata una carriera in continua ascesa, suggellata da famosi successi discografici fra cui FATTI MANDARE DALLA MAMMA ed IN GINOCCHIO DA TE.
Dal 1970 in poi, reo di proporre un genere di canzoni poco impegnate e commerciali viene anche boicottato durante alcuni dei suoi ultimi concerti.Nasce un perido di ritiro dalle scene e studio al conservatorio di musica. Nasce il suo impegno nel mondo del cinema, con il film LE CASTAGNE SONO BUONE, e quello teatrale con JACOPONE. Dal 1980 in poi il suo ritorno al mondo della musica è scandito da nuovi successi, grazie anche al cambio di stile e canzoni impegnate, che vedono la collaborazione di vari artisti come RUGGERI, TOZZI, MINGHI LUCIO DALLA e CLAUDIO BAGLIONI. Nuove tournée, in particola modo STATI UNITI e CANADA, accompagnano i suoi nuovi successi, come SI PUO’ DARE DI PIU’ e GRAZIE PERCHE’. Nuove partecipazioni al FESTIVAL DI SANREMO, e fiction televisive, accompagnano la sua fortunata carriera fino ai giorni nostri. Ha avuto la capacità di riproporsi con un nuovo stile canoro e testi impegnati, e rimane fin dagli anni 60 uno dei cantanti più propositivi della musica leggera italiana.